“VIVERE IN BELLEZZA” CAMPO SCUOLA GIOVANI AZIONE CATTOLICA

 Radio, televisione, social network, internet, quotidianamente pronti a comunicarci un preciso modello di bellezza: sei bello se…, sei bravo se…, vali se… Ci convincono che è da conquistare, da comprare, distogliendoci dalla “vera Bellezza”.
I giovani di Azione Cattolica diocesana, guidati ed accompagnati dagli educatori, dall’assistente diocesano Don Massimo Balloni e dal seminarista Pierpaolo Matteucci, si sono interrogati su questa tematica durante il camposcuola estivo, occasione di incontro e confronto, tappa fondamentale del cammino annuale.

Cantava così Modugno: “Meraviglioso ma come non ti accorgi di quanto il mondo sia meraviglioso”. Accolti da queste parole ci siamo immersi “sotto un cielo di bellezza”, e con il nostro sorriso, lo stupore, il silenzio, la semplicità, lo sguardo e l’ottimismo abbiamo aperto il cuore all’autentico e al genuino.

“Di che bellezza son creato?” Attraverso il contatto con la natura e un momento personale di riflessione ci siamo riconosciuti bellezza pensata e creata da Dio a sua immagine e somiglianza. E chi cura la bellezza del Creato? Ognuno di noi, in particolare ogni giovane di AC, nel suo piccolo, nel suo essere incantevole, può rendersi continuatore dell’opera creatrice e tirar fuori dall’intera Creazione la sua originale bellezza.

“Al tempo della forza sopraggiunge quello della fragilità e non è facile sentirsi improvvisamente delicati; può rivelarsi un inferno se si è soli. Io solo non lo sono mai stato.” I nostri limiti e le nostre fragilità non sono facili da identificare, accettare e, infine, superare per farli fruttare. Grazie a delle relazioni autentiche è possibile trovare la forza necessaria per andare oltre. Il confronto diretto con l’altro, inoltre, conduce alla scoperta e riscoperta dell’essere bellezza al di là di ogni limite. Siamo esseri fatti per amare ed essere amati nel profondo.

Tra i nostri tanti limiti, il contatto con la diversità è uno di quelli che maggiormente ci spaventa. Diversità in ogni ambito, vicine e lontane. Due testimoni, Chiara Ciminà, responsabile dell’Autismo Abruzzo Onlus e Don Marco Pagniello, direttore della Caritas diocesana di Pescara-Penne, ci hanno aiutato ad affrontare tale tematica trasmettendoci la loro esperienza di vita. Questo ci ha incoraggiato a cogliere nella diversità non un limite, bensì una ricchezza donata che matura nell’incontro, nell’ascolto, nello scambio e nel confronto con persone diverse da noi e a vedere la bellezza anche nei luoghi più bui della società. A tal proposito abbiamo condiviso parte della nostra giornata con dei ragazzi africani David, Prince, Samuel e Ushman, giunti in Italia negli ultimi anni; prezioso è stato il loro racconto e il vederli relazionarsi con noi condividendo momenti di riflessione e di gioco.

Con la speranza di far fruttare quanto vissuto alla luce della Parola, auguriamo ai lettori un buon cammino sulla via del Signore.

Laura Sperandio, parrocchia di Villa Mosca

print

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

For security, use of Google's reCAPTCHA service is required which is subject to the Google Privacy Policy and Terms of Use.

I agree to these terms.